BANDO – Nuova Sabatini 2019

29 gennaio 2019

NUOVA SABATINI

INCENTIVI ALLE PMI PER NUOVI INVESTIMENTI NEL PROCESSO PRODUTTIVO

 

SOGGETTI BENEFICIARI: PMI, operanti in tutti i settori produttivi, inclusi agricoltura e pesca, che realizzano investimenti

TIPO DI INTERVENTO: Incentivare le imprese che realizzano investimenti (anche mediante operazioni di leasing finanziario) in macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché investimenti in hardware, software e tecnologie digitali.

ENTITA’ DELL’AIUTO: – Concessione di un contributo che copre parte degli interessi a carico delle imprese sui finanziamenti bancari, in relazione agli investimenti realizzati. Il contributo è pari all’ammontare degli interessi, calcolati su un piano di ammortamento convenzionale con rate semestrali, al tasso del 2,75% annuo per cinque anni;

IMPORTANTE: Possibilità di accedere ad un contributo maggiorato del 30% (tasso 3,575%) per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica aventi come finalità la realizzazione di investimenti in tecnologie compresi gli investimenti in big data, cloud computing, banda ultralarga, cybersecurity, robotica avanzata e meccatronica, realtà aumentata, manifattura 4D, Radio frequency identification (RFID e sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti. PIANO INDUSTRIA 4.0 – Allegati 6/a e 6/b

  • Possibilità di beneficiare della garanzia del Fondo di Garanzia per le PMI (662) fino alla misura massima prevista dalla vigente normativa (80% dell’ammontare del finanziamento), sul finanziamento bancario, con priorità di accesso.

SPESE AMMISSIBILI: Le spese ammissibili riguardano l’acquisto o l’acquisizione in leasing di macchinari, impianti, beni strumentali d’impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché di hardware, software e tecnologie digitali. Risultano escluse, le spese relative a “terreni e fabbricati” e “immobilizzazioni in corso e acconti”.

Gli investimenti devono essere ad uso produttivo, correlati all’attività svolta dall’impresa ed essere ubicati presso l’unità locale dell’impresa in cui è realizzato l’investimento.
Gli investimenti devono essere avviati successivamente alla data della domanda di accesso al contributo. In fase di realizzazione, l’impresa ha facoltà di variare l’oggetto degli investimenti rispetto a quello preventivato nella domanda.

SPORTELLO ATTIVO DAL 7 FEBBRAIO 2019

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
  • PDF

Articolo precedente: